É come una poesia incapace di annoiarti, una melodia che influisce sul tuo stato d'animo: ti fa sentire infuocato e con l'adrenalina a mille in occasione di un'imminente battaglia, riesce a farti rilassare quando uno dei protagonisti 'espande' la mente per sentire le coscienze di tutti gli esseri viventi che lo circondano, imparando, perché ascoltando attentamente si possono apprendere lezioni, anche da quelli più sottovalutati: dalla più piccola e indifesa formica al più grande albero secolare. Ma la cosa più bella di questo libro è che non privilegia la forza fisica ma quella mentale.  Questa storia non parla di un solo protagonista, un solo eroe, sceso dal cielo e pronto a salvare il mondo, ma di varie persone valorose pronte a tutto per salvare il proprio popolo, persone che non si  lasciano sottomettere perché troppo pigre per combattere o perché poco determinate, ma che credono in se stessi, nei loro compagni, e che difendono la loro libertà, anche a costo della vita. Un'altra cosa che mi è piaciuta molto è che questo mondo è popolato da creature differenti, con religione e cultura contrastanti con le altre, interessi e potenzialità talmente diverse che spesso li portano a violente liti, ma che nonostante tutto riescono a mettere da parte le divergenze riuscendo a diventare più forti, perché si completano.