Il  libro tratta  di due adolescenti che si  inviavano lettere d’amicizia . La ragazza sapeva chi era il ragazzo , ma il ragazzo non sapeva chi gli scriveva...                                                                                
Alla ragazza ,Viola , piaceva Michele  ma non voleva farsi scoprire . Così  cercava  di instaurare con lui , un tipo piuttosto solitario , un rapporto di amicizia  speciale attraverso una misteriosa corrispondenza .                        
I   due andarono avanti per mesi e giorni , Michele nelle sue lettere cercava sempre di indovinare chi fosse la compagna  di classe che scriveva ,così provava a suggerire  dei nomi ma senza successo. Viola,quando scriveva una lettera  cercava  di nasconderla nello zaino di Michele. Michele  invece nascondeva le sue dietro alla lavagna .Viola,ogni volta che scriveva voleva fare ridere Michele , invece, scriveva poesie. Una di queste mi ha colpita in modo particolare e seguiva la consegna di una foto di Viola da piccola , dove Michele descriveva la sua amica ancora sconosciuta , o quasi  .
In questo momento sembra che il ragazzo abbia già capito chi è  che scriveva le lettere , anche se non era ancora sicuro ,nel suo cuore egli sperava che a corrispondere con lui fosse  proprio quella bambina che tra le compagne di classe lui preferiva .
Tutta la storia è molto romantica , sopprattut0 il finale , quando Michele  ha la sicurezza che chi scrive  è davvero quella che si immaginava  e dove i due adolescenti possono esprimere i propri sentimenti .
Penso che a volte sia più facile esprimere le proprie emozioni attraverso la scrittura che con le parole . Purtroppo noi ragazzi oggi non siamo più abituati  a scrivere lettere, piuttosto inviamo sms  pieni di abbreviazioni , dove spesso le parole vengono addirittura sostituite da immagini (faccine J ) che rendono più veloce la cumunicazione  ma che non permettono di trasmettere ciò che  realmente ciascuno di noi ha nel profondo nel cuore.