Questo libro parla di un ragazzo, Jacob che, dopo la morte del nonno, diventa triste e stressato, perché era il più attaccato della famiglia al nonno.

Quando era piccolo lui gli raccontava sempre la storia di “ragazzi speciali” con cui aveva vissuto parte della sua vita e che stavano in una piccola isola al di fuori del Galles, chiamata Cairnholm.

Jacob decide di andare lì per vedere se riesce a trovare qualche reperto dell’orfanotrofio in cui visse suo nonno. Arrivato sul posto non trova nulla ,però dopo un po’ vede una ragazza che lo spia ,così decide di seguirla ,e lei lo porta in una specie di “tunnel” in pietra. Attraversato il tunnel Jacob si sente disorientato, tutto è diverso e “vecchio”, ad un certo punto la ragazza lo porta all’orfanotrofio ,che però ora è molto più bello e tenuto bene.

Appena arrivato gli viene presentata Miss Peregrine, la protettrice di tutti quei poveri orfanelli SPECIALI, che gli spiega che nell’orfanotrofio vivono solo ragazzi con dei “superpoteri”, e che lui era appena entrato in un “anello”, ovvero un posto dove lo stesso giorno si ripete all’infinito,e quel giorno era il 3 settembre 1940,in cui una bomba cadde sull’orfanotrofio. Questo anello permetteva a tutti i ragazzi speciali di sopravvivere.

Dopo vari giorni trascorsi con loro,Jacob ,come allora suo nonno, si trova davanti a due opzioni: restare o andarsene,e lui sarebbe propenso a restare perché scopre che anche lui ha dei superpoteri.

A me questo libro è piaciuto non dico moltissimo, di più! E’ una storia bellissima e molto intrigante, che io ho adorato, ed è raro che succeda , questo libro mi ha fatta sentire parte di lui,e spero vivamente che facciano un continuo perché ti lascia in sospeso con un finale aperto.