Questo libro è un fantasy e parla di una ragazza di 14 anni che, assieme a suo fratello minore, deve provare a sopravvivere in seguito a un virus mortale (colpisce gli adulti e si manifesta nei ragazzi dopo la pubertà) che ha portato alla distruzione della Sicilia. I due fratelli riusciranno a cavarsela nonostante la perdita della madre e nonostante tutti gli ostacoli che incontreranno durante il loro cammino. Questo racconto mi è piaciuto molto perché, pur essendo una storia molto triste, è riuscito a strapparmi un sorriso anche nei momenti più bui. E' scritto molto bene infatti sono riuscita a immedesimarmi nei personaggi, provando gli stessi sentimenti. Questo libro mi ha insegnato che non bisogna arrendersi e perdere le speranze, anche quando sembra che non ci sia una via d'uscita, come hanno fatto i due fratelli.

Anna è il simbolo dell'umanità che riesce a sopravvivere a ogni costo perché lo spirito di sopravvivenza è fortissimo in noi. L'unico peccato di questo libro è che il finale è rimasto in sospeso, ma per il resto lo consiglio a tutti perché è una storia molto coinvolgente ed emozionante.