Questa è la storia di Daniel, un bambino ebreo e di una portinaia di nome Apollonia.

La portinaia Apollonia faceva paura a tutti i bambini, soprattutto a lui che la credeva una strega.

Nella città c'erano molti soldati cattivi che prendevano gli uomini giovani, specialmente ebrei, per farli lavorare per loro.

Daniel dopo aver fatto una lunga fila per prendere il pane, tornato a casa, aveva chiamato più volte la sua mamma senza ricevere risposta, fino a quando una mano gli tappa la bocca e lo trascina in cantina.

Daniel pensava, pieno di paura, che la strega lo volesse rinchiudere per mangiarselo, invece, lì proprio in quella cantina incontra la sua mamma e capisce, che Apollonia non era una strega ma anzi una signora gentile che li ha aiutati a scappare dai tedeschi.

Ve lo consiglio molto, la mia maestra questo libro ce lo ha letto nel giorno della Memoria; leggetelo!!!!