VITTORIA DE LUCA-VA SCUOLA PRIMARIA DE AMICIS-IC 18 BOLOGNA

Il libro che ho letto si intitola ''Detective in bicicletta''. L'autrice si chiama Janna Carioli e voleva diventare scrittrice fin da quando aveva imparato a scrivere, le piaceva tanto leggere e andare al cinema. I protagonisti sono due ragazzi che vanno sempre in bici seguiti da un cagnolone, Bullo. Ogni giorno, dopo la scuola, andavano vicino la riva del fiume che attraversava il loro paesino. Un giorno però Bullo si ammala per qualche strano motivo. I due ragazzi iniziano così ad investigare. Riusciranno a scoprire perché si è ammalato? E Bullo si salverà? Il libro di cui vi ho appena parlato è un giallo e fu proprio questa storia a farmi iniziare ad appassionare alla lettura. L'autrice scrive con parole semplici e conosciute da tutti, il carattere è grande e chiaro. È scritto in terza persona e ci sono alcune illustrazioni che spiegano quello che succede (le ha disegnate Maurizio Santucci). Questo libro lo consiglio ai bambini e ai ragazzi che non amano leggere perché essendo un giallo invita il lettore a leggerlo fino alla fine perché non si capisce chi è il colpevole. Si resta quasi tutto il tempo con il fiato sospeso. La storia mi ha suscitato tante emozioni tra le quali la paura che non mi abbandonava mai Il messaggio che mi porterò sempre dietro è: anche le cose più spiacevoli possono prendere un'altra piega. Lo capisco particolarmente: a scuola inizialmente non parlavo con nessuno, ma ora invece ho un sacco di amici e, come ci fa capire questo libro, senza amici non si va avanti perché loro ti aiutano a superare i momenti peggiori.