Chi da bambino non si è mai fermato a guardare la natura in tutta la sua meraviglia? E chi, che un tempo è stato bambino, non prova il desiderio di farsi nuovamente cogliere da tale stupore? Per tutti coloro che vogliono ricominciare a sognare e a spaziare con l'immaginazione nei luoghi più impensabili e remoti del pianeta questo libro è il carburante che serve a rimettere in moto il motore della propria fantasia. Questo testo di 410 pagine, pubblicato da Fabbri Editori nel 1984, è un romanzo d'avventura, ambientato nel 1866  che vede come protagonisti il metodico professore Aronnax,il fedele maggiordomo fiammingo Conseil e il misterioso capitano Nemo. Anno 1866, un misterioso "mostro sottomarino" dall' imponente stazza, forza e velocità terrorizza le acque di tutto il globo affondando piroscafi giganteschi. Pur di risolvere il problema i governi sono disposti a tutto; così nel giro di pochi mesi organizzano una spedizione per catturare il presunto mammifero....

Uno dei motivi di maggior interesse è l'incredibile attenzione che lo scrittore dedica alla descrizione di ogni specifico luogo che(essendo nelle profondità dell'oceano) non ha mai potuto visitare ma che ha immaginato con magistrale sicurezza... di questo ne va dato atto. Il linguaggio utilizzato dall'autore è complesso a causa dei molteplici aggettivi che usa per descrivere ogni situazione, ma grazie al sapiente accostamento tra di essi non appesantiscono la lettura. In conclusione io lo consiglio a tutti coloro che amano l'avventura perchè Verne è un maestro del genere e, a mio avviso, questo è uno di pochi romanzi che ti tiene incollato al libro dalla prima all'ultima pagina.

ALESSIO BANDINI CLASSE IIIA CASTIGLIONE CAMUGNANO SAN BENEDETTO