ALESSANDRO TRADII IIIA IC CASTIGLIONE-CAMUGNANO-SAN BENEDETTO

La compagnia dell’anello è un romanzo di genere fantasy scritto da J.R.R. Tolkien e pubblicato per la prima volta in Gran Bretagna nel 1954, è il primo volume della trilogia de il Signore deli Anelli.

Il libro che ho letto è edito dalla “Bompiani” e lo scrittore è “Jude Fischer” .

E’ il racconto del film che si rifà al libro di J.R.R. Tolkien.

Il libro è ricco di immagini che il fotografo Pierre Vinet ha tratto dal film ed è accompagnato da un testo semplice e sintetico. Credo che le storie fantastiche abbiano un loro modo di rispecchiare la verità, quella di Tolkien non è la bellezza degli elfi, o della natura meravigliosa descritta, e nemmeno quella della magia e degli incantesimi, la verità descritta dall’autore è quella della natura umana, infatti Tolkien descrive nel suo libro il cammino dei personaggi con le loro doti, le loro debolezze e le buone azioni e la grande forza di chi apparentemente è piccolo. Se prendiamo Frodo non è sicuramente l’eroe che ci saremmo aspettati per portare avanti un compito così difficile, eppure è lui piccolo ed umile a portare su di sé un compito così pesante e devastante. Frodo della terra di mezzo, una terra che potrebbe ricordare il nostro mondo proiettato in un’epoca non ben definita, fatto di normalità e di vita quotidiana, eppure un mondo piccolo piccolo che dà però al racconto 4 personaggi che diventeranno poi 4 eroi pur con le lor paure, i dubbi e le tentazioni. Mi ha colpito moltissimo il tema della lealtà e dell’amicizia come quella tra Sam e Frodo e l’ambiguità di Gollum con la sua doppia personalità fragile, crudele ma anche tenera in cerca di amicizia e di affetto. Ne consiglio la lettura perché il racconto e soprattutto le immagini riescono a farti rivivere l’avventura del film.