Bianca e Aglaia sfuggono dalla vita di città e decidono di andare a vivere sulla cima di un albero, precisamente in un “condominio”. Non sarà facile viverci, con strani vicini di casa, per esempio il Sig Beccaris Brullo, e anche cani che volano, gatti che parlano, neonati che miagolano…

Questo libro lo consiglio a chi ama immergersi nella fantasia e nell'avventura, ma che non si fa intimorire. Ha un linguaggio facile; ci sono poche illustrazioni, in bianco e nero, ma chiare e divertenti.

Carolina Pazzaglia cl.5 A Scuola F. Baracca I.C. Castiglione-Camugnano -S.Benedetto