Su una piccola isola poco affollata, vive un macchinista di nume Luca, con la sua locomotiva Emma. Un giorno, d'improvviso, arriva un pacco con su scritte parole incomprensibili. Dentro trovano un bambino, il piccolo Jim, che fa subito amicizia con Luca, e da lì,il re di quell'isola, capisce che questa è troppo affollata, e che qualcuno dovrebbe andarsene. Jim, che vuole scoprire quali siano le sue origini, decide di partire con Luca. I due, allora, iniziano a fare viaggi straordinari, durante i quali scopriranno molte cose, e stringeranno il loro legame. Durante il viaggio, i due amici, vengono a sapere che una principessa era stata rapita da un drago, e Coloropoli? Salveranno la principessa? Ma soprattutto, Jim riuscirà a scoprire le sue origini?

 

Ho trovato questa storia molto avvincente e divertente. L'autore scrive usando un linguaggio semplice, ricco di descrizioni e dettagli sia per le caratteristiche fisiche dei personaggi e, maggiormente, per le descrizioni ambientali. Per come è scritta, per le storie fantastiche vissute dai protagonisti e per la curiosità che resta a chi legge, lascia sempre col fiato sospeso e con la voglia di scoprire quello che accadrà. Tutti i personaggi sono unici e particolari, ma quello che mi è rimasto nel cuore, è Jim, perché è coraggioso, crede molto nell'amicizia e non si arrende davanti agli ostacoli. Leggendo questo romanzo ho capito che l'amicizia è un legame fortissimo e proprio grazie all'aiuto degli amici veri, si possono anche raggiungere obbiettivi che da soli non si riuscirebbero a realizzare. Ho capito anche che, crescendo ed aumentando le esperienze che si fanno nel corso della propria vita, si diventa più maturi e più saggi.