A Kabul tre ragazzi, molto diversi fra loro, incrociano per caso i loro destini dopo un attentato alla città. Erano totali sconosciuti quando, per caso, Kaled, un ragazzino fuggito dal suo paese per fare fortuna, e Michele, un ragazzo italiano venuto in Afghanistan, si trovarono nello stesso mercato proprio quando scoppiò un attentato talebano. I due trovarono rifugio in casa di Jamila, una giovane ragazza, che sognava di trasgredire alle regole e diventare dottoressa. I tre fanno amicizia e percorrono insieme un lungo e meraviglioso viaggio, in cui scoppierà l'amore fra Jamila e Michele e la gelosia di Kaled. Poi, dopo tredici anni, i tre si ritrovano ancora una volta insieme a parlare, dopo tanta fatica, dei propri sogni, finalmente realizzati. Il libro non mi è piaciuto particolarmente ma la storia e gli insegnamenti al suo interno sono molto belli.