Quello di Marquez, è un racconto molto breve e appassionante che racconta la vicenda di Luis Alejandro Velasco, un marinaio della Marina Colombiana, che dopo il naufragio della nave in cui lavorava, é costretto a lottare contro la morte ogni giorno, non solo per colpa della fame e della sete, ma anche per la presenza degli squali e di altre creature marine pericolose.

È un libro scorrevole, attira molto il lettore dato che il libro racconta giorno per giorno la storia del naufrago, l’autore ha fatto una scelta che apprezzo molto: considerare ogni giorno che passava un capitolo.

Non solo attira coloro che leggono il libro ma li coinvolge nella storia, é un racconto descritto talmente bene e nei minimi particolari che sembra di vivere l’esperienza in prima persona.

Del protagonista, ho apprezzato molto il fatto che non ha mai perso la calma, ha sempre cercato di sopravvivere e quindi di “arrangiarsi” e anche il fatto che ha lottato contro la morte. Mi piacerebbe essere una persona come lui, una persona che non si arrende mai davanti alle difficoltà, anzi, é proprio davanti ad esse che cerca di dare il meglio di sé.

Non consiglio assolutamente la lettura di questo libro a coloro che hanno paura del mare, dell’ acqua o alle persone che sono caratterialmente ansiose.

Ritengo possa essere adatto a tutte le età perciò consiglio vivamente di leggerlo perché dà un messaggio molto importante che tutti dobbiamo tenere a mente e che tutti non dobbiamo sottovalutare.

 

Mariotti Veronica ITC "Gaetano Salvemini"