Alla scuola di Hills Village un ragazzo di nome Rafe Kachdorian è stato ammesso alla prima media.  Rafe non è un ragazzo portato per lo studio, infatti vuole “vivere la sua vita” spassandosela con il suo amico immaginario Leo. Rafe e Leo fanno un patto che chiamano “Operazione Rafe. Il patto consiste nell’infrangere tutte le regole di Hills Village!

Alla fine dell’anno scolastico Rafe riusce a infrangere una regola molto importante… una regola che compromette il giudizio del suo comportamento. Lo scherzo compiuto da Rafe consiste nel distribuire all’ interno della scuola alcuni volantini con l’immagine di un pollo con il volto di Miller il Killer, il bullo della scuola. Il regolamento scolastico prevede una grande sanzione in caso di offese verso i compagni: l’espulsione dalla scuola della Hills Village.

Quando Miller si accorge dei volantini va da Rafe che per difendersi dal bullo si divincola, procurandogli un taglio alla testa. Rafe viene sospeso fino alla fine dell’anno! Un giorno Rafe con la sua mamma e la signorina Donatello, una sua fidata professoressa, vanno al colloquio di fine anno con il preside. In quella occasione la professoressa Donatello propone al preside di trasferire Rafe in una scuola di pittura per potergli permettere di liberare la sua creatività e la sua vivacità. Questa idea all’inizio non piace a Rafe, ma poi cambia idea e accetta con entusiasmo!

Secondo me il libro è divertente. Rafe il protagonista è molto sfortunato e si caccia sempre nei guai! E’ stato questo il bello del libro; ogni giorno gli accade sempre qualcosa di brutto. Per noi lettori è molto divertente! Personalmente lo consiglierei alle persone a cui piace ridere e scherzare. Secondo me è il libro più divertente che io abbia letto fino ad ora.

Modificherei solo alcuni capitoli in cui narra le innumerevole disavventure… secondo me sono un po’ troppo. Il linguaggio semplice e scorrevole coinvolge il lettore sin dalle prime pagine.