Marie-Aude Murail è una scrittrice francese nata il 6 maggio 1954.

Nel 2012 pubblica un romanzo intitolato “Miss Charity”.

Quest’opera racconta di una bambina inglese di 9 anni chiamata Charity Tiddler, proveniente da una famiglia benestante.

Charity amava follemente tutto ciò che riguardava la natura.

Gli animali? Gli animali erano la sua vita; della loro grandezza non gliene importava un granché: potevano essere piccoli come un topo o grandi come un cavallo; lei li amava. Tutti.

Quando Charity aveva 13 anni, la madrina Lady Bertram, iniziò a lamentarsi dell’istruzione della ragazza, incoraggiando la madre a ingaggiare una governante per la figlia.

Dopo qualche discussione la decisione fu presa: Mlle Blanche Legros, francese di nascita,fu chiamata per istruire Charity.

Grazie a Mlle Legros, Charity impara a parlare francese, disegnare meravigliosamente con gli acquerelli e suonare il pianoforte.

Lei amava disegnare paesaggi: uno dei suoi acquerelli migliori fu appeso al muro di una libreria.

Nonostante le nuove discipline apprese, l’amore che Charity provava verso gli animali non cambiava mai.

Ogni estate per la sua famiglia era tradizione recarsi a Dingley Bell, una villa situata nel Kent, residenza dei cugini Philip, Lydia e Ann Bertram.

Scopo di Charity era di socializzare con i cugini, i quali la consideravano strana, perchè passava la maggior parte del suo tempo con gli animali.

Ci riuscirà? O sarà sempre giudicata male dai suoi cugini?

Un anno Charity e la sua famiglia si ritrovarono a Dingley Bell in inverno.

Charity aveva appena messo in atto la sua missione per far amicizia con i cugini, quando arriva un ragazzino, giudicato da lei odioso, il cui nome era Kenneth Ashley.

Il tempo passava e la famiglia Tiddler trascorreva sempre più tempo nella villetta nel Kent.

Intanto Charity aveva stretto amicizia con Mlle Legros.

Proprio lì, a Dingley Bell, incontrarono un ragazzo, apparentemente noioso e privo di senso del divertimento. Questo ragazzo era l’istruttore dei cugini Bertram, il cui nome era Herr Shmal.

Qualche mese dopo CHarity fu allontanata dalla sua adorata Blanche, che per un equivoco era stata messa in cattiva luce.

Ormai la ragazza aveva 18 anni e la madre era sempre più preoccupata che la figlia rimanesse zitella.

Il fatto alla ragazza non importava molto, preferiva fare i suoi acquerelli e giocare con i suoi animali.

Grazie al consiglio di un amico Charity riuscì a scrivere un libro per bambini, utilizzando come protagonisti i suoi animali.

Superate le prime critiche, anche da parte dei genitori, Charity riesce a costruirsi una sua vita.

Per la gioia della madre, ricevette più proposte di matrimonio, ma chissà se la nostra Charity sposerà l’uomo giusto. O meglio, nonostante la sua testardaggine riuscirà a trovare la sua anima gemella?

Personalmente il libro l’ho trovato un po’ lento.

Del resto il racconto mi è piaciuto particolarmente perchè mi ha fatto capire che non molto tempo fa, le donne che cercavano di costruirsi una vita da sé erano malviste, mentre oggi quelle donne sono solo da stimare.


Sara Marino, classe 3^C, Secondaria di I grado, IC Borgonuovo