Dal romanzo per ragazzi Un Ponte per Terabithia, scritto da Katherine Paterson, sono sati tratti due film. E’ un racconto di avventura che si svolge in un paese di campagna.

Jess Aarons è un bambino di dieci anni e frequenta la scuola elementare “Lark Greek”. Ha quattro sorelle: May Belle, una bambina spocchiosa, la più piccola; Ellie è la più brava di tutte a manipolare la madre; Brenda è l’assistente di Ellie e l’aiuta nei suoi piani. L’ultima è Joyce Ann che Jess definisce “mocciosa” perché piange ogni momento anche se la tocchi o le dici di spostarsi.

Jess si è allenato tutta l’estate, perché vuole battere tutti i suoi compagni nella corsa. Nella sua scuola arriva una ragazza nuova che si veste come un maschio, il suo nome è Leslie Burke ed è la figlia dei nuovi proprietari della casa dei Perkins.

Un giorno, durante l’intervallo, Jess è pronto per una gara di corsa insieme ai suoi compagni, arriva Leslie che chiede di poter partecipare alla gara. Tutti si meravigliano perché è  strano per loro che una ragazza voglia  correre e non giocare o parlare con le altre ragazze;  i ragazzi accettano la sua proposta e la fanno entrare nella batteria di Jess, che non si preoccupa di dover competere con una ragazzina. Ma nonostante le previsioni, Leslie vince la corsa.  Jess ci rimane malissimo, vuole parlare con la sua unica amica la signorina Edmuns, la sua insegnante, con lei si può  esprimere e farle vedere i suoi disegni.

Quando Jess torna a casa scopre che Leslie è la sua nuova vicina di casa; insieme fanno una chiacchierata e da quel momento diventano amici inseparabili. I due fondano un regno immaginario chiamato Terabithia, che si raggiunge attraversando il torrente con una corda e si nominano  re e regina.

A scuola cominciano a stare sempre insieme e a Jess non importano le critiche e le prese in giro, non vale la pena farsi rovinare quell’amicizia speciale. A Natale Jess regala a Leslie un cagnolino che lei chiama Terrien e diventa il principe di Terabithia.

Un giorno la professoressa Edmuns propone  a Jess  di  visitare insieme un museo in città;  Jess è combattuto perché avrebbe dovuto andare a Terabithia con Leslie, ma  alla fine accetta l’invito della signorina Edmuns. Al ritorno a casa viene a sapere della di un terribile incidente e della morte di Leslie.

Jess è molto dispiaciuto e inizialmente non vuole credere che la sua amica sia morta, però con il tempo lo capisce e lo accetta;  costruisce una corona in onore di Leslie per darla in dono agli spiriti del bosco e decide di costruire un ponte per raggiungere Terabithia, proclamando  May Belle regina di Terabithia.

Il libro mi è piaciuto ma sicuramente cambierei alcune parti. Mi aspettavo che Terabithia fosse reale e non solo nella loro immaginazione; inoltre mi è molto dispiaciuto sapere della morte di Leslie. Il messaggio che mi ha trasmesso è di non giudicare l’apparenza, perché se Jess si fosse fermato alla prima impressione non avrebbe scoperto la bella persona che era Leslie. Consiglio questo romanzo alle persone che amano i libri di avventura ma anche d’amore.