Questo libro l’ha scritto Guido Sgarzoli .

A me è piaciuto molto, ma il finale è un po’ triste.

Il libro parla di un soldato, Kaspar.

Un giorno il sergente Krupp lo manda in missione su un monte perché sopra c’era un mulino a vento e lui doveva sorvegliarlo “fino a nuovo ordine”.

Kaspar, sul monte conobbe un omino grinzoso, una mucca e un topino di nome Grigetto.

Un giorno i nemici attaccarono la città con aerei e la distrussero. Insieme alla città distrussero anche il mulino a vento.

L’omino grinzoso chiese a Kaspar quando doveva ritornare a combattere e lui gli rispose che aspettava il nuovo ordine.

Ma l’ordine non arrivò mai perché il sergente morì sotto le macerie di una torre.

Sul monte a poco a poco l’omino grinzoso si ammalò e morì e Kasper lo sotterrò.

Dopo qualche tempo anche la mucca e il topino morirono.

Intanto la guerra finì e la città distrutta fu ricostruita.

Da quando Kasper era arrivato, si era fatto una base con delle casse.

Kasper non guardò mai cosa ci fosse dentro le casse, ma un giorno diede fuoco con un fiammifero e tutte esplosero.

Kaspar se ne andò e pensò ai cinque anni passati su quel monte.

Io avrei voluto che il sergente Krupp, l’omino grinzoso, Grigetto e la mucca non morissero.