AUTORE: Luigi Garlando

EDITORE: Piemme Junior

 

Questo libro parla di una squadra di nome Cipolline, composta  da 8 giocatore che sono: Tommi(il capitano), Sara e Lara (le due sorelle), Ciro e Dante (i due registi), Spillo (il portierone), Joao (l'attaccante brasiliano), Beckam (ala destra e sinistra.

Poi c'è  anche l'allenatore, di nome  Gaston Champinion, che era un cuoco con un ristorante  di nome "Petali in pentola".

Ora senza ulteriori indugi incomincio a raccontarvi la storia.........

Finito il campionato le Cipolline  si devono preparare per la sfida contro la squadra "Accademia blu" con anche Loris il giocatore più odiato dalle Cipolline,

ci fu però un inconveniente, cioè Loris e i  suoi compagni rubarono il portafortuna  delle Cipolline, lo scheletro bianco che ad ogni partita  mettevano in tribuna e potava loro veramente fortuna!

Le Cipolline non avevano mai perso,da quando lo tenevano in tribuna.

A Tommi venne l'idea di andare a controllare nella casa di Loris e infatti trovò lo scheletro.

Spillo, il portierone, si era rotto la caviglia e non si sapeva se avrebbe potuto fare la partita  contro "Laccademia blu", lui nel frattempo si voleva allenare per la caviglia rotta, mise una sedia in mezzo alla porta e il suo allenatore gli faceva dei tiri.

Peccato però che così non riusciva a parare molti palloni!

Spillo riuscirà a rimettersi per la finale, le Cipolline riusciranno a vincere questa volta?

Chissà!?

Consiglio questo libro a tutti i bambini e forse anche a qualche adulto appassionato come me di calcio.