La storia parla di un ragazzino di nome Nono al quale per i suoi 13 anni viene offerto un viaggio in treno da Gerusalemme ad Haifa, per celebrare il suo Bar Mitzvah . A organizzarlo sono il padre, un detective, e la sua compagna. Ma il viaggio si trasforma in una serie di imprevisti e avventure come ad esempio l’incontro con Felix, un ladro internazionale che rapisce Nono su una  Bugatti e lo porta a conoscere la grande diva Lola. Da loro verrà finalmente a sapere la vera storia dei suoi genitori. Questo libro, a parer mio, è uno dei migliori che abbia mai letto; Grossman utilizza una scrittura che non annoia mai. E’ un romanzo carico di ironia, giovinezza, dolcezza e lieve suspense. Una cosa che mi ha colpito di questo libro è il passaggio da bambino a ragazzo, mostra la vita e l'amore in tutti i loro aspetti,dalla durezza della realtà alla passione amorosa. Lo stile  è scorrevole e a tratti ironico. E' stato il primo libro che ho letto di Grossman e mi è piaciuto tantissimo, consiglio vivamente la lettura a tutti.