"Spaccò la mia vita in due metà: il prima e il dopo”

Così si apre il romanzo fantasy di Ransom Riggs, scrittore , autore di cortometraggi e collezionatore di fotografie. Proprio loro fanno da  sfondo alla storia di  Jacob, ragazzo timido, introverso ma dallo spirito molto avventuriero. Da bambino ascoltava le storie di suo nonno Abraham, riguardanti un orfanotrofio nel quale venivano accolti bambini dalle doti speciali nel periodo della seconda guerra mondiale. Tuttavia Jacob crescendo inizia a dubitare delle storie, ma in seguito a una tragedia familiare che aveva coinvolto il nonno, Jacob segue diversi indizi lasciatigli da quest’ultimo, giungendo a un orfanotrofio abbandonato in un’isola gallese, dove, notando circostanze completamente differenti da quelle attuali, scopre di essere nel 1940, anno che  il suo nonno gli aveva riferito sarebbe stato l’anno del bombardamento all’orfanotrofio da parte dei nazisti. In questa dimora, Jacob scopre numerosi particolari sul passato del nonno, dai più oscuri ai più strani, infine giunge anche a conoscenza del possesso di una dote sovrannaturale che condivide con il nonno oramai morto. E’ una storia sorprendente, colma di stranezze e colpi di scena, è una lettura leggera e piacevole, priva di punti morti e con un vocabolario alla portata di tutti. Uno dei tanti punti affascinanti della storia è il contrasto tra i paesaggi poiché in questo libro le circostanze attuali Gallesi vengono rappresentate in modo molto triste, mostrando cieli costantemente nuvolosi e cittadine malandate, nel mentre i paesaggi degli anni ‘40 vengono raffigurati in modo allegro, con cieli costantemente soleggiati, bambini felici. Quindi, per come l’ho interpretata io, la descrizione dell’attuale Galles rispecchierebbe il dolore e la sofferenza degli abitanti dell’epoca precedente in seguito al bombardamento. Grande è anche la fantasia e l’originalità dell’autore che illustra i vari passaggi in modo articolato senza mai suscitare noia nel lettore. Sebbene il romanzo sia scritto in terza persona, l’autore riesce a fare immedesimare i lettori nei personaggi. Quindi consiglio caldamente questa lettura agli amanti del mistero e del sovrannaturale.

Rym Harda 1H liceo L. Bassi, Bologna