Celeste era una bambina molto sveglia e soprattutto quasi sempre ottimista. Un giorno le venne un’idea geniale: creare un film girato con una semplice macchina fotografica. Celeste propose questa idea alle sue amiche: Vittoria, Sveva, Fatima ed Aurora. Sembravano contrarie ma, con il passare del tempo, Celeste riuscì a convincerle. Ritrovò dei  fogli con dei disegni molto complicati e le venne in mente di creare una storia sulle streghe. Giorno dopo giorno a Celeste vennero sempre più idee. Diede il compito alle sue amiche di portare l’occorrente per creare il film. Ogni bambina portò almeno un oggetto. Ogni pomeriggio si incontravano per provare il film, diventavano sempre più brave a recitare e ormai avevano imparato le proprie parti a memoria. Un giorno, dopo la scuola, Celeste propose alle sue amiche di iniziare a girare le riprese. Accettarono e iniziarono dalla scena del ritrovamento della pentola magica, ma scavando trovarono un’altra pentola. Sembrava molto preziosa, non era di Celeste, quindi si incuriosirono molto e fecero delle ipotesi. Dopo alcuni giorni scoprirono che quella preziosa pentola apparteneva a una vera e propria strega: Vampa. Celeste e le amiche diventarono “famose”per aver trovato un pezzo da museo molto importante. Il giorno dopo le amiche diedero la notizia ai propri genitori, che  erano assolutamente contrari, dicevano che era solo tempo sprecato. Ma loro non si arresero e diventarono “famose”.

Questo libro mi è piaciuto parecchio, perché mi ha fatto capire che fra amiche è meglio non litigare, mi ha fatto anche capire che quello che hanno fatto le ragazze era un gioco di squadra molto divertente. Questo libro lo consiglio a tutti ma specialmente alle persone alle quali piacciono i libri un po’ avventurosi,  pieni di magie, curiosità ed allegria.

Emma Limoni 5B Scuola Morandi IC 1 Bologna