Mary Smith, una fragile bimba dal cuore d’oro con un coraggio da leoni, viene lasciata dalla sua noiosissima prozia per qualche breve tempo in attesa dell’arrivo dei suoi genitori che si stanno divertendo in vacanza.

Stanca di stare chiusa in casa esce in giardino per osservare il cielo nuvoloso di una ventosa giornata. Dopo poco si ritrova a conversare con il giardiniere, un uomo di poche parole. Con il suo aiuto e qualche consiglio si ritrova a inseguire un gatto nero, ad essere studentessa di una accademia di magia, a salvare animali rapiti a costo di rischiare la sua vita.

Questo libro mi ha appassionata tantissimo, forse è uno dei più belli che io abbia mai letto.

Personalmente uno dei miei mestieri ideali sarebbe quello di fare la scrittrice, scriverei una storia su di me, per esprimere le mie emozioni: i fatti più importanti della mia vita, parlerei dell’ amicizia o cose simili...ma non mi dispiacerebbe inventare storie fantastiche che raccontano di fatti che solo una persona speciale come me potrebbe fare.

Il lavoro di fare lo scrittore dovrebbe essere affidato ai bambini, con la loro fantasia storie di ogni genere possono appassionare e far commuovere chiunque. Consiglio vivamente di leggere questo libro per capire meglio la storia ed emozionarvi. A che cosa servono i libro se no?

Chiara Andreozzi 5 B Scuola Primaria Morandi IC 1 Bologna