Harvey Cheyne è un arrogante ragazzino di quindici anni, figlio di un ricco finanziere delle ferrovie americane. Alla sua età ha tutto quello che si possa desiderare, però non conosce il valore della fatica e del denaro guadagnato col sudore. Durante una navigazione che lo dovrebbe portare in Europa, il ragazzo cade dalla nave. Viene salvato da una barca di pescatori che stava lavorando nelle vicinanze, la We're Here, sotto la guida di Disko Troop, severo capitano. Lì impara a conoscere e apprezzare la lealtà e la solidarietà degli uomini di mare, uomini di poche parole ma di grande coraggio e abilità. Con il passar del tempo il ragazzo diventa parte attiva dell’equipaggio, tanto che i marinai della goletta iniziano ad apprezzarlo e stimarlo e nasce così uno stretto legame tra l'equipaggio, composto dal duro capitano, il superstizioso e allegro Manuel, il carismatico Long Jack, l'ex soldato Tom Platt, Zio Salters e il suo misterioso amico Pennsylavnia Pratt, divenuto folle dopo aver perso tutta la famiglia in un' alluvione e il silenzioso cuoco afro-gaelico. Harvey è felice di ricevere 10 dollari e mezzo al mese per il faticoso lavoro di pesca. È aiutato anche da Dan, figlio del capitano, tra i quale nasce una bella amicizia. Harvey da ragazzino viziato diventa un giovane consapevole ed un perfetto marinaio. Tornato a riva sbalordirà i genitori per la maturità acquisita in mare. Il libro mi è piaciuto molto, insieme ai protagonisti ho vissuto la difficile vita di mare e le avventure nelle quali si imbattono in tutti i tempi gli eroi della navigazione; ma in particolare mi è piaciuto il fatto che nel racconto un ragazzino, viziato e prepotente, riesce a comprendere il valore dell’essere umile e della fatica con la quale guadagnarsi da vivere, senza pensare che tutto sempre sia dovuto. Brugnoli Leonardo cl. II A "A. Moro" I. C. Dozza