Il libro parla di un topo, Geronimo, che vive nell'isola dei topi: è un giornalista che lavora all'Eco del Roditore, la casa editrice più importante dell'isola dei topi. E’ molto amico di un professore di nome Volt, che ogni volta escogita nuove invenzioni da far provare a Geronimo. Geronimo accetta di testare la sua ultima invenzione, che è una macchina per viaggiare nel tempo, però vuole che con lui possa partire anche la sua famiglia, composta da Tea, sua sorella, Trappola, suo cugino, e Benjamin, il suo nipotino. Geronimo e la sua famiglia viaggiano al tempo dei Maja, al tempo del re Sole e al tempo di Giulio Cesare. Benjamin approfitta di questa occasione poiché deve fare una ricerca su Giulio Cesare...

Questo libro mi è piaciuto molto, perchè parla di un tema molto importante secondo me e questo tema è l'amicizia. In certi punti l’intreccio è pieno di comicità e di divertimento, però in altri torna la  serietà perchè la “storia” si ferma e il libro parla della storia reale, come quella delle origini di Roma, diventando così  anche molto interessante.

Aurora Guernelli - classe 1 B - Scuola Secondaria I grado "Giovanni Paolo II" - Castel Guelfo