Cenerentola vive con la matrigna e le sorellastre, svolgendo i lavori più umili, finchè la Fata Smemorina le consente di andare al ballo di corte. Grazie alla scarpetta di cristallo la sua vita cambierà e il principe chiederà la sua mano.

Mi è sempre piaciuto questo libro perchè mi ricordo quando mi veniva letta da piccola questa fiaba: la sequenza che preferisco è quella della trasformazione, grazie alla magia della Fata Smemorina, dei topolini in cavalli, della zucca in carrozza e di Cenerentola in splendida dama. L’espressione che ricordo di più è la formula che accompagna la magia e viene pronunciata dalla Fata Smemorina mentre agita la bacchetta magica: “Bibidi, Bobibi, Bu!”.

Condivido anche il messaggio dell’autore: a dispetto delle cattiverie ricevute, Cenerentola, con la sua bontà, riesce a superare le situazioni avverse e raggiunge la felicità. A me piace pensare che il bene, alla fine, trionfi sempre sul male.Cenerentola vive con la matrigna e le sorellastre, svolgendo i lavori più umili, finchè la Fata Smemorina le consente di andare al ballo di corte. Grazie alla scarpetta di cristallo la sua vita cambierà e il principe chiederà la sua mano.

 

Emma Natali - classe 1 B - Secondaria I grado "Papa Giovanni Paolo II" Castel Guelfo